Pizza Hawaii

Certo anche le ricette migliori nascono da un’idea, a volte un azzardo,  un accostamento insolito, una variante alla tradizione. Ma chissà cosa aveva in mente nel 1961 Sam Panopulos, ristoratore canadese di origini greche, che condì l’impasto di una primitiva pizza con pomodoro, formaggio, prosciutto e…pezzi di ananas. 

Pare forse che l’idea gli venne dal toast hawaiano formato da una fetta di pane su cui sono appoggiati appunto formaggio, prosciutto, ananas che l’originale Sam provò a riportare sull’italiana margherita da poco sbarcata negli Stati Uniti.

Accostamenti azzardati che da mezzo scolo dividono il mondo, fanno discutere i golosi e creano orrore nei napoletani.

Sta di fatto che il gusto dolce-salato non a tutti è dispiaciuto e di pizze Hawaii se ne sfornano migliaia. I maggiori estimatori sono gli statunitensi ma lo stravagante gusto esotico è apprezzato anche in Europa. Noi Italiano ancora facciamo fatica ad accettare la bizzarra combinazione ma l’afflusso di stranieri nel nostro Paese costringe  anche i nostri pizzaioli a sfornarne un discreto numero.

Proviamo allora a lasciarci alle spalle i pregiudizi e prepariamo anche la pizza all’ananas con ingredienti freschi e di alta qualità. Non dimentichiamo mai che “ognuno ha i suoi gusti” e che la pizza, come la cucina, è in continua evoluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *